Inarcassa premia l’ingegno e la creatività

Styrodur

Nell’ambito della diffusione della cultura ingegneristica e dell’architettura, Inarcassa (Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti) ha indetto un concorso finalizzato alla premiazione delle dieci idee più originali.

Un’iniziativa rivolta alla valorizzazione dell’ingegno, della creatività e delle capacità progettuali di tutti gli ingegneri ed architetti Liberi Professionisti iscritti a inarcassa.

Qual è l’oggetto del concorso?

Sono ammessi al concorso invenzioni, brevetti, modelli ornamentali e di utilità sviluppati nei seguenti settori: architettonico, biomedicale, design, edilizio, energetico, informatico, infrastrutturale, meccanico e tecnologico.

Chi può partecipare?

La partecipazione è aperta a tutti gli ingegneri e architetti Liberi Professionisti che al momento della pubblicazione del bando siano in possesso di determinati requisiti:

  • Siano iscritti a Inarcassa;
  • risultino in possesso dei requisiti necessari all’attestazione di regolarità contributiva da parte di Inarcassa;
  • Abbiano provveduto al brevetto o registrazione dell’idea ingegneristica, modello ornamentale o di utilità nei cinque anni precedenti la pubblicazione del bando, o comunque ne siano autori o coautori.

Entro quando inoltrare la domanda di partecipazione?

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 31 ottobre 2016.

Quali sono i premi in palio?

Inarcassa ha stanziato complessivamente un montepremi di 50.000 € totali, suddivisi per i dieci finalisti (5 ingegneri e 5 architetti). I vincitori riceveranno un premio di 5.000 € ciascuno come contributo per lo sviluppo, produzione e la diffusione sul mercato del brevetto/modello oggetto del concorso.

Come partecipare?

Se rispondi ai requisiti di cui sopra, scarica il modulo qui o collegati direttamente al sito di inarcassa on-line.

Tutti i vantaggi di un tetto piano isolato con Styrodur®

Cos’è e dove nasce il tetto piano?
L’immagine facilmente associata al tetto piano è quella di una casa moderna dal gusto minimal. Dal design innovativo e le forme geometriche essenziali e regolari, è l’opzione prediletta dai progettisti, in particolar modo per la realizzazione di progetti ecocompatibili. C’è da dire, però, che se fino a qualche anno fa era una soluzione per una cerchia ristretta di utenza, oggi il mercato si è aperto, rendendo il tetto piano una possibilità desiderata da molti.

Peculiarità e accortezze
Interessante è sapere che all’interno di questa macrocategoria di tetti piani fanno parte i tetti caldi e quelli rovesci, due tipologie di tetti piani distinti sostanzialmente dal posizionamento della guaina impermeabilizzante rispetto al pannello isolante. Nel caso del tetto caldo, infatti, la membrana impermeabile è posta al di sopra dell’isolante, mentre nel secondo caso avviene l’inverso (da qui il nome di “tetto rovescio”, proprio perché stravolge la consueta stratigrafia).

Quale pannello isolante adottare? Styrodur® 3035 CS


Styrodur®, da oltre 50 anni, si dedica al completo isolamento degli immobili, dal tetto alle fondazioni. Per un isolamento rapido, economico ma al 100% efficace affidati a chi può garantirti la qualità di prodotto. Il pannello Styrodur® 3035 CS è un pannello isolante studiato per isolare tetti piani rovesci, pareti industriali, terrazze e tetti giardino. Si tratta di una lastra in polistirene espanso estruso monostrato con pelle superficiale liscia e con battentatura perimetrale sui quattro lati, esente da CFC, HCFC, HFC.

Quali sono i vantaggi del sistema Styrodur®?
> Riduzione dei costi derivati da un maggior efficientamento energetico
> Protezione degli spazi interni dell’immobile dalle escursioni termiche estate/inverno
> Resistenza strutturale dovuta alla qualità dei pannelli Styrodur® 3035 CS resistenti a compressione e indeformabili nel tempo
> Miglioramento dell’isolamento acustico dovuto alla porosità dei pannelli

Per scoprire tutte le applicazioni rese possibili dai nostri pannelli, vai al sito Styrodur.

L’isola felice esiste e la trovi… sul tetto di casa

Il tetto verde è facilmente riconoscibile perché accoglie una florida vegetazione, sia essa arborea o floreale. Una soluzione riscoperta, il giardino pensile, dal latino pensilem “che sta sospeso”, nasce già in epoca antica, seppur per necessità diverse.
Una costante urbanizzazione ha obbligato l’uomo a inventare spazi verdi laddove era possibile: sul tetto, appunto. Ma perché realizzare una copertura verde sulla propria abitazione? Quali i vantaggi?

Partiamo da quelli che potremmo definire vantaggi ambientali: una copertura di questo tipo migliora la qualità dell’aria, ricreando una mitigazione microclimatica. In questo modo le piante ci salvano dal calore intenso che si accumula in città e assorbono la CO₂ presente in atmosfera. Inoltre, non di poco conto è il fatto che catturino la polvere e le sostanze tossiche fluttuanti nell’aria, ripulendola. Un ulteriore vantaggio è la riduzione dell’isolamento acustico. Più sane sono le piante, infatti, più facilmente assorbono il rumore, trasformandosi in una vera e propria barriera al suono.

Lo stesso avviene per l’elettrosmog: un tetto verde contribuisce all’assorbimento delle onde elettromagnetiche che normalmente vengono emesse da telefoni e ricetrasmittenti.

L’integrazione di una zona verde negli edifici può, inoltre, regolare il deflusso delle acque piovane, reso oggi difficile dall’intensiva cementificazione del territorio che porta come conseguenza a problemi di tipo alluvionale. A questo proposito, le coperture a giardino evitano l’ostruzione delle reti fognarie in caso di piogge insistenti, assorbendo fino al 90% dell’acqua piovana.

Compatibili con l’installazione di impianti fotovoltaici, i tetti verdi massimizzano l’efficientamento energetico, raddoppiando, così, il risparmio in bolletta.

Seguono, poi, i vantaggi di tipo psicofisico: possedere uno spazio verde a uso esclusivo porta al benessere dell’individuo e al miglioramento della qualità di vita. Si ricreano nuovi spazi per piante e animali e si guadagna terreno per la coltivazione di orti urbani.
A rendere più facile la creazione di un ambiente di tale portata sono gli ecobonus e gli incentivi fiscali. Non abbiamo finora accennato, infatti, al miglioramento estetico che una copertura verde apporta all’intero quartiere, valorizzando l’edificio. Ecco perché lo Stato stesso spinge allo sviluppo green.

Il Decreto Milleproroghe ha prorogato al 2020 il bonus verde grazie al quale viene applicata una detrazione dall’Irpef lorda pari al 36% per le spese sostenute al fine di realizzare impianti di coperture verdi su immobili residenziali. La detrazione è applicabile su un ammontare complessivo non superiore a 5000 euro ed equivale, cioè, a un contributo massimo di 1800 euro per immobile, ripartito in dieci rate annuali. Lo stesso vale per le aree esterne comuni dei condomìni per le quali è possibile ottenere lo stesso importo per unità immobiliare a uso abitativo.
Per quanto riguarda l’efficientamento energetico, è possibile ottenere un ecobonus del 65% sull’importo complessivo per opere di riqualificazione globale che mirino al miglioramento dell’isolamento termico della struttura. Nel caso dei condomìni, inoltre, è possibile arrivare al 70% di detrazione fiscale se l’intervento coinvolge il 25% dello stabile, e addirittura al 75% se si dimostra che l’operazione è riuscita a contribuire al miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva, col conseguimento della qualità media di cui al DM 26 giugno 2015.

Scopri le soluzioni verdi che abbiamo pensato per te, vai al sito Styrodur.

Isolare la casa e ritrovare il benessere si può con Styrodur®

Come tutti, anche noi di Styrodur® restiamo attivi, pensandovi da casa. Ci siamo ripromessi di non perdere di vista il futuro e per questo continuiamo a investire in ricerca e sviluppo, sicuri che un domani riprenderemo da dove eravamo rimasti. Intanto cerchiamo di allietare le vostre giornate con argomenti di interesse e letture curiose.
Dal momento che il periodo ci vede relegati in casa, nulla ci sembra più in linea se non parlare di abitazioni e isolamenti termici. Questo perché il clima altalenante degli ultimi giorni ha messo alla prova alcuni immobili, specie quelli mal isolati. Ecco, allora, che riscopriamo i motivi che rendono essenziale una corretta coibentazione della propria casa. Vediamoli insieme.

1. Perché isolare dall’interno?

L’isolamento perimetrale interno si rende indispensabile nel caso in cui non si possa agire dall’esterno. A rendere impossibile un’azione dall’esterno può essere il contesto urbano o una restrizione di tipo artistico-culturale. All’interno di centri storici, per esempio, la vicinanza del proprio immobile ad altri potrebbe rendere infattibile un’opera di efficientamento di questo genere; così come alcuni vincoli architettonici potrebbero impedire l’esecuzione dei lavori. Ne sono un esempio i palazzi dalle facciate affrescate sulle quali pendono vincoli e restrizioni a non finire.
Un altro motivo per cui procedere dall’interno potrebbe essere quello relativo all’inerzia termica dell’involucro edilizio. Nel caso di isolamenti dall’esterno viene coinvolta l’inerzia termica di tutto l’immobile, mentre nel caso in cui si voglia un riscaldamento celere degli spazi si procede con il cappotto interno. È l’opzione più gettonata nell’ipotesi si tratti di spazi che si utilizzano per poche ore e con poca costanza.

2. Quali sono i vantaggi?

L’isolamento dall’interno dei muri perimetrali ha molteplici vantaggi. Primo in assoluto è la riduzione dei costi in bolletta. Questa è resa possibile perché un buon isolamento evita dispersione inutile di calore verso l’esterno e, in estate, mantiene il fresco tra le mura di casa. Inoltre, un immobile ben coibentato acquista di valore, motivo per cui le opere di efficientamento energetico godono di bonus e agevolazioni fiscali. La scelta di promuovere questo tipo di interventi risiede nel fatto che questi, oltre a ridurre consumi inutili di energia, abbassano notevolmente le emissioni di CO₂ nell’aria, preservando l’ambiente. Del resto, Styrodur® è il nostro pannello verde di nome e di fatto.

3. Perché scegliere Styrodur®?

I pannelli isolanti Styrodur® 2800 si configurano come la soluzione ideale per l’isolamento interno. Si tratta di pannelli isolanti con superficie goffrata e bordi lisci utilizzati in combinazione con calcestruzzo, intonaco e altri rivestimenti. L’isolamento interno può essere, infatti, realizzato sia con uno strato di intonaco sia con un rivestimento di pannelli in cartongesso.
Isolare l’edificio significa tutelarlo. Farlo bene vuol dire risparmiare economicamente e guadagnarci in salute e comfort. Per scoprirne di più, visita il nostro sito: troverai tante soluzioni alle tue richieste.

Styrodur® da 55 anni promuove e difende il tuo benessere. Vai al sito Styrodur.

L’intervista a Luciano Mazzer per venetoglobe

L’emittente radiotelevisiva venetoglobe, nella rassegna “VOCI DA…”, ha intervistato Luciano Mazzer, chiedendo la sua opinione di imprenditore, e presidente del grande gruppo internazionale IWIS, sulla situazione attuale. Una fotografia sincera di questo momento difficile che dà voce alle preoccupazioni per il futuro e per i collaboratori negli stabilimenti distribuiti in Europa, Asia e America.

Un pensiero a quando tutto questo sarà finito, con una responsabilità che guarda al futuro sperando che il momento di ripartire sia prossimo.

Penserà prima di tutto ai dipendenti, dice, per il resto dovrà esserci forte impegno da parte delle istituzioni.

LA CANTINA: IL VALORE DI UNO SPAZIO DA (RI)SCOPRIRE

Realizzare una cantina porta con sé diversi vantaggi. Si guadagna in superficie abitabile, si aumenta il valore dell’immobile e si evitano handicap di tipo edilizio. Ma entriamo nel vivo della questione.

Una cantina, se ben progettata, aumenta di circa un terzo la superficie utilizzabile di un immobile. Un piano interrato può essere utilizzato come ufficio, laboratorio, sala giochi per i bambini, sala prove per gli appassionati di musica, sauna se si ha bisogno di relax, ripostiglio per i più pratici o semplicemente come spazio per feste o ricevimenti. Inutile sottolineare come un’area del genere possa implementare il valore di rivendita dell’abitazione.

IL PIANO INTERRATO PERFETTO

Da un punto di vista prettamente tecnico e progettistico, un piano interrato elude disagi ordinari e frequenti come una mala insonorizzazione, una manutenzione delle condutture costosa o la formazione di crepe lungo le pareti, sintomatico del ritiro e del crollo della soletta.
Affinché si possa godere, però, di un luogo salubre e confortevole, due sono gli aspetti da tenere sempre presenti: impermeabilizzazione e isolamento termico.
Per questo tipo di applicazioni Styrodur® offre da più di 50 anni una soluzione efficace e valida. I pannelli isolanti, in quanto sottoposti costantemente a sollecitazioni intense provocate da precipitazioni o pressione terrestre, devono godere delle seguenti caratteristiche:

I VANTAGGI DEL PANNELLO ISOLANTE STYRODUR®

Questi gli elementi che contraddistinguono Styrodur® da altri pannelli. Adoperare i pannelli isolanti Styrodur® significa ridurre dispersioni termiche all’interno dell’edificio e ricreare un ambiente più sano e vivibile in cantina. L’efficacia del vostro isolamento perimetrale (con il quale si è soliti intendere l’isolamento sia delle pareti a contatto col terreno che i pavimenti) verrà comprovata dall’assenza di condensa o muffa sui muri, di ponti termici e dall’inevitabile risparmio in bolletta.

Sfrutta al massimo la superficie abitabile che offre la tua casa, costruisci spazi unici dove vivere la tua quotidianità. E se decidi di farlo, scegli solo prodotti di fiducia. Styrodur® è Styrodur®. Da oltre 50 anni.

Per scoprirne di più, vai al sito Styrodur.



STYRODUR® CONTRO I PONTI TERMICI

STYRODUR® è il nostro pannello termoisolante in XPS che da oltre 50 anni si distingue sul mercato per il numero di applicazioni che rende possibili: dai pavimenti ai soffitti, dai tetti a falda a quelli rovesci o in intercapedine, è un pannello la cui efficacia è comprovata. Se, però, grazie agli articoli precedenti abbiamo capito il motivo della sua versatilità, da attribuire alle caratteristiche tecniche, sappiamo perché diventa importante isolare termicamente la casa? La questione non si riduce semplicemente al tepore che tutti ricercano nella propria abitazione, ma risulta essere molto più complessa.

COSA SONO I PONTI TERMICI

Una delle principali motivazioni per cui si consiglia un isolamento a regola d’arte dell’abitazione è l’eliminazione dei ponti termici. Per ponti termici si intendono le discontinuità degli elementi strutturali di un’immobile e proprio per questo è facile che si creino vicino a pilastri, travi, balconi, davanzali o in corrispondenza delle giunture di malta tra i laterizi, ossia in prossimità di quelli che rappresentano i punti di eterogeneità della struttura. La loro presenza provoca una dispersione di calore verso l’esterno di un edificio d’inverno e il contrario d’estate, dunque ci si ritroverà a patire caldo ad agosto e freddo a dicembre, o anche no nel caso in cui si decida di spendere in maniera smisurata per aria condizionata e riscaldamento. In questo modo all’interno dell’edificio la temperatura superficiale non rispetterà mai gli standard suggeriti per un vivere sano.

I ponti termici, inoltre, non creano solo dispersione di energia ma portano con sé condensa e muffa, principali cause di un ambiente insalubre e umido. Nascosta dietro agli armadi a muro, celata in qualche anfratto poco vissuto della casa o nell’angolo sul quale non avresti mai pensato, troverai lei: quell’odiata muffa. La muffa non si presenta solo come una macchia antiestetica sul muro ma è una vera e propria minaccia per la salute. La sua presenza può provocare irritazione agli occhi e alla pelle oppure causare patologie allergiche alle vie respiratorie con conseguenti sintomi di asma e bronchiti croniche, senza capirne in un primo momento le ragioni.

COME PREVENIRE I PONTI TERMICI

Per prevenire questi disagi è consigliato isolare bene la casa, motivo per il quale abbiamo concepito Styrodur®, un pannello dal bassissimo coefficiente di conducibilità termica, insensibile all’umidità e resistente alla putrefazione. Ad aumentare la sua durata utile è l’impermeabilità, grazie alla quale si evitano infiltrazioni e attacchi di umidità.

L’isolamento termico è un investimento a lungo termine, una protezione non solo per la casa, ma anche per noi stessi.

Se vuoi scoprire le applicazioni garantite dai nostri pannelli, vai al sito Styrodur.

VERDE DI NOME E DI FATTO

 
Con la Direttiva 2002/91/CE sono stati introdotti obiettivi specifici in materia di efficientamento energetico. Da questo punto di vista l’Unione europea ha imposto l’obbligo della certificazione degli immobili dimostrando come un immobile di classe A, sebbene costi un 5-10 % in più rispetto a un immobile tradizionale, d’altra parte porti a un risparmio di 1000/2000 euro l’anno per quanto riguarda i costi di riscaldamento.
 

COSA DICE LEGAMBIENTE

D’altra parte, però, bisogna ammettere che tre quarti degli edifici in Italia siano stati costruiti tra il 1946 e il 1991 e il 30% di questi versi oggi in condizioni non ottimali. L’argomento è stato affrontato da Legambiente (associazione ambientalista italiana con sede principale a Roma) che ha condotto uno studio prendendo a riferimento gli immobili edificati tra gli anni Cinquanta e Novanta. Le loro termografie, realizzate su strutture a uso residenziale e direzionale, hanno fatto emergere una serie di disfunzioni generate da un’assenza di isolamento termico oppure, laddove ci fosse, dalla presenza di ponti termici. Questi non sono altro che discontinuità degli elementi strutturali che provocano la dispersione di calore verso l’esterno di un edificio d’inverno e il contrario d’estate. Per questo solitamente si formano vicino a pilastri, travi, balconi, davanzali o in corrispondenza delle giunture di malta tra i laterizi, ossia in prossimità di quelli che rappresentano i punti di eterogeneità della struttura. Si ricrea, così, all’interno dell’edificio una temperatura superficiale diversa da quella suggerita per un vivere sano. L’esperimento ha, inoltre, evidenziato un valore estremamente disomogeneo nella distribuzione di temperatura sulle pareti: i gradienti termici misurati giungevano addirittura a 6-7 gradi.
 

COME EVITARE COSTI ALTI IN BOLLETTA E UN DISPENDIO INUTILE DI ENERGIA?

Isolando a regola d’arte la casa.
A questo proposito, i pannelli termoisolanti marchiati STYRODUR® risultano idonei alle più severe condizioni termoigrometriche. Concepiti in XPS – polistirene espanso estruso –, vantano ottime capacità pur mantenendo uno spessore ridotto che li rende versatili e idonei a diverse applicazioni. Grazie alle eccellenti prestazioni, infatti, mantengono la loro efficacia di fronte a qualunque condizione termoigrometrica, assicurando un ottimo isolamento termico.


Superficie goffrata del pannello Styrodur®

 
La loro versatilità è resa possibile dalle caratteristiche tecniche che li contraddistinguono. I nostri pannelli verdi dalla superficie goffrata godono di un’elevata resistenza alla compressione e di un bassissimo coefficiente di conducibilità termica, tanto che risultano ideali nei sistemi di isolamento di qualsiasi tipo. Dall’isolamento del tetto a quello delle fondazioni, da quello delle pareti a quello del soffitto, ogni angolo della casa può essere isolato con l’applicazione dei nostri pannelli STYRODUR®, evitando dispersione inutile di calore e aumentando il comfort abitativo.

Vai al sito Styrodur per scoprire le eccellenti caratteristiche isolanti del pannello verde.

Per ogni tipo di intervento: STYRODUR®

STYRODUR® è da oltre 50 anni l’XPS con il maggior numero di applicazioni e per questo è riconosciuto come prodotto di riferimento per i progettisti e le imprese nel mondo dell’isolamento termico. Particolarmente indicato nell’isolamento perimetrale, di ponti termici, di pavimenti, di soffitti, di tetti a falda, di tetti rovesci o in intercapedine, è un pannello la cui efficacia è comprovata dall’ampia gamma di prestazioni.

Isolamento a 360°…

La sua versatilità, infatti, è resa possibile dalle caratteristiche tecniche che lo contraddistinguono. Il nostro pannello verde dalla superficie goffrata gode di un’elevata resistenza a compressione e di un bassissimo coefficiente di conducibilità termica, tanto che risulta ideale nei sistemi di isolamento di qualsiasi tipo.

Il fatto di essere insensibile all’umidità e resistente alla putrefazione, per esempio, lo rende perfetto nell’isolamento perimetrale, ossia nell’isolamento che avvolge l’intero corpo dell’edificio. D’altro canto l’indeformabilità fa sì che i progettisti lo utilizzino pure nella realizzazione di pavimenti soggetti a forti carichi.

… in intercapedine

Il suo ridotto assorbimento d’acqua, le indiscusse caratteristiche isolanti e la resistenza all’invecchiamento portano a scegliere STYRODUR® come soluzione all’isolamento in intercapedine. In questo tipo di applicazione il pannello viene montato tra due pareti anche senza strato d’aria, dimostrando nuovamente la sua facilità d’utilizzo.

… di tetti

La stessa semplicità e rapidità d’applicazione è dimostrata in caso di isolamento di tetti, siano essi piani o rovesci. In questo caso i vantaggi principali risiedono nell’alta resistenza a compressione e all’invecchiamento che contrasta le oscillazioni termiche e le forti tensioni a cui i tetti sono tendenzialmente sottoposti. Ad aumentare la sua durata utile è l’impermeabilità, grazie alla quale si evitano infiltrazioni e attacchi di umidità.

In più, l’indeformabilità del prodotto, unita alla resistenza a forti carichi, lo rende il pannello ideale da adottare in caso di protezione antigelo di sottofondi stradali e massicciate ferroviarie.

Insomma, le applicazioni rese possibili dal nostro incredibile pannello verde sono molteplici. Se i progettisti saranno facilitati in ogni realizzazione per la flessibilità d’applicazione che offre STYRODUR®, dall’altra gli applicatori ringrazieranno per la posa agevolata e la rapidità d’intervento.
Diventa chiaro il motto “STYRODUR® è STYRODUR®”, una scelta sicura da qualsiasi punto di vista.

Per saperne di più ed entrare nel dettaglio, VISITA il sito Styrodur.

L’edilizia green a Klimahouse 2020: Styrodur® c’è

Qualcosa di nuovo sta cambiando in ambito edilizio. Bonus e incentivi hanno rimodellato il pensiero di chi fino a ieri era restio a intervenire in ambito condominiale con ristrutturazioni mirate a ridurre l’inquinamento e i costi energetici. Non è semplice coordinare 20 proprietari di appartamenti dello stesso immobile sui vantaggi sociali ed economici, a lunga scadenza, che offre un intervento di efficientamento energetico.

Ciò che sta accelerando le decisioni è l’opportunità di ottenere lo sconto immediato (in fattura) sugli interventi di importo superiore ai 200.000 € che si effettueranno nel 2020.
Questa nuova apertura sarà in grado di ricodificare il mercato, di offrire nuovi spunti, di creare nuove tendenze perché nello sconto fiscale sull’investimento si calcola anche il lavoro dei professionisti, nonché l’analisi energetica dell’edificio sia prima che dopo l’intervento. Migliorerà la qualità dell’aria, così come la qualità della vita degli abitanti del condominio e al contempo accrescerà il valore dell’immobile.

Styrodur® è il pannello isolante “campione” nella visione green di fare edilizia, e proprio per questo conferma la sua presenza a Klimahouse 2020 di Bolzano. La fiera, aperta dal 22 al 25 gennaio, è un richiamo per tutti coloro che spingono per un agire ecocompatibile, in grado di coniugare efficientamento energetico e prestazioni elevate.

Styrodur® è caratterizzato da 55 anni di affidabilità nel mercato XPS e nelle costruzioni, e questo lo rende l’XPS con maggior esperienza oggi. Tutto questo viene incluso nella nostra attività di ricerca e sviluppo ogni singolo giorno. Il risultato lo riscontriamo con i nostri test di qualità, i quali attestano che l’isolamento degli edifici realizzato con i nostri pannelli è in grado di durare per intere generazioni.
Ecco perché Styrodur® ha convinto architetti, artigiani, costruttori e commercianti di materiali da costruzione: perché si risparmia spazio in casa, viene diminuito l’apporto di materiale impiegato in fase di lavorazione e si realizza un lavoro a lungo termine, evitando interventi futuri. I pannelli Styrodur® sono impermeabili, a basso coefficiente di conducibilità termica e resistenti a elevate pressioni. Il che li rende eccezionali contro l’agire del tempo e degli agenti atmosferici.

Questo il motivo per il quale FI-VE sarà presente alla 15ª edizione di Klimahouse, la fiera concepita per divulgare una filosofia di lavoro green che si pone come punto d’incontro di tante aziende che condividono lo stesso modo di intendere l’edilizia. In linea con il concept di quest’anno: “Costruire bene per vivere bene”, i convegni che si terranno durante i giorni di fiera tratteranno temi quali la certificazione CAM e le prestazioni energetiche e acustiche richieste agli edifici pubblici, il calcolo del fabbisogno energetico in regime dinamico e tutto ciò che ha a che fare con l’edilizia responsabile e il risparmio di energia.

Vieni a trovarci a Klimahouse 2020: settore CD, stand D25/34.

Consulta il programma della fiera e acquista il biglietto online

Bonus Verde 2019: le detrazioni per giardini e terrazzi

Admin

 Anche per tutto il 2019 è possibile richiedere la detrazione fiscale IRPEF per le opere di sistemazione di giardini (anche pensili) e terrazzi.

Ecco qui, in sintesi, tutto ciò che è bene sapere.

 

Quali spese sono ammesse?

Come per tutte le detrazioni, non tutti i tipi di lavori rientrano nel bonus verde.

Per quanto riguarda i giardini e i terrazzi le tipologie di spese che possono essere detratte sono relative ai costi di progettazione e manutenzione.

Gli interventi che rientrano nel bonus sono:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

 

Le opere non ammesse

Sono invece escluse dalla detrazione le spese sostenute per la manutenzione ordinaria periodica dei giardini già esistenti, non connessa a un intervento innovativo o modificativo. E non spetta neppure per i lavori in economia, cioè quelli fai-da-te, eseguiti dal contribuente stesso. Questo divieto, però, non esclude la possibilità di rivolgersi a fornitori diversi per l’acquisto di alberi, piante, arbusti, cespugli, specie vegetali, e per eseguire gli interventi.

 

La percentuale di detrazione

L’importo del bonus è del 36% per un massimo di 5000€ di spesa, questo significa che il rimborso massimo potrà essere di 1800€.

 

Modalità di pagamento

Come per le detrazioni fiscali dei lavori di ristrutturazione all’interno delle abitazioni, i pagamenti per essere validi devono essere effettuati seguendo delle regole. Questo significa che devono essere tracciabili, come nel caso di bonifico bancario o postale. Non sono quindi ammessi: assegni, contanti o pagamenti con carte di credito.

 

I vantaggi del bonus giardino

Grazie a questo bonus verde si potranno creare, curare e riqualificare degli spazi verdi. Aumentando e migliorando queste aree i benefici saranno molto: più verde (piante, fiori) e di conseguenza più ossigeno.

Un’ottima prospettiva per delle città più ecologiche e meno inquinate. Infine, non meno importante, il fattore estetico.

Naturalmente, per un isolamento a regola d’arte del giardino pensile e del terrazzo, Styrodur® rappresenta il compagno ideale. Leggi qui il nostro articolo: https://www.styrodur-italia.it/il-tetto-verde-vantaggi-e-caratteristiche/

1 2 3 10

Styrodur® è un marchio registrato da BASF SE
© 2018 Fi-ve Impianti isolanti - powered by Più Internet srl - Privacy Policy - Info legali