Un nuovo concetto edilizio: la Casa passiva

La necessità di trovare fonti di energia alternativa sta influenzando drasticamente l’edilizia, facendo nascere nuovi modi di costruire le case, in modo che si pongano in modo perfetto con i criteri di risparmio energetico. Quando si parla di Case Green e Eco, non si sta affrontando un ambito di mero design, ma abbiamo di fronte progetti finalizzati dalla spinta all’innovazione frutto della necessità di creare la massima efficienza energetica, nell’uso di materiali e nell’abbattimento dei consumi.

Questa spinta innovativa ha fatto nascere la “passivehaus”, la casa passiva, ovvero, un’abitazione che non necessita di impianti per il riscaldamento e/o per il raffreddamento, ma che comunque non privi del benessere in tutti i suoi ambienti. La sfida della casa passiva, infatti, è quella essere comunque calda in inverno e fresca in estate. I progettisti devono trovare soluzioni in alternativa a quelle in uso oggi in quanto eccessivamente dispendiose per la salute del nostro pianeta.

Le caratteristiche di una casa passiva

La casa passiva usa delle tecniche di costruzione ‘alternative’, maggiormente costose delle tradizionali, in termini di costi iniziali. Ma i benefici economici diretti, senza la presenza dei dispendiosi impianti di riscaldamento e condizionamento possono fare la differenza nel lungo periodo.

La casa passiva punta principalmente sull’isolamento termico, caratteristica su cui Styrodur ha individuato il proprio core business ancora nel 1964. Più in particolare, tale concezione punta a migliorare il vecchio sistema strutturale, con l’eliminazione dei ponti termici e di varie problematiche progettuali. Altri elementi chiave diventano gli infissi e i materiali usati, che saranno tutti di ultima generazione. Ma la novità più significativa rispetto al passato è costituita da un sistema si di riciclo di aria che recupera calore in inverno e freddo in estate.

‘Casa passiva’ potrebbe risultare un termine improprio, in quanto la casa, ad un primo sguardo risulta più che attiva. Ma le modifiche strutturali elencate in precedenza abbattono quasi per la totalità la necessità di energia. Il fabbisogno energetico tuttavia non viene azzerato totalmente. A differenza del passato, la casa passiva riesce a produrre energia da sé:

  • gli impianti fotovoltaici produrranno energia per i grandi e piccoli elettrodomestici e il sistema di illuminazione.
  • i pannelli solari per la produzione di acqua calda.

Una casa con queste caratteristiche potrà sembrare fantascienza ma è realtà anche in Italia, dove molte nuove strutture dimostrano pienamente di mantenere temperature ottimali durante tutte le stagioni senza aver paura dei grandi freddi del nord Europa o i caldi torrenziali tipici del nostro territorio.

I vantaggi di una casa passiva:

  • MINORI CONSUMI: una casa passiva riesce a ridurre i consumi energetici del 85/90%;
  • MAGGIORE BENESSERE: questo tipo di costruzione rispetta la nostra salute, in quanto si eliminano le muffe, gli sbalzi di temperatura e le correnti d’aria. Di primaria importanza è il sistema di filtro che garantisce aria pulita in modo costante.
  • OTTIMO INVESTIMENTO: il maggiore prezzo iniziale è compensato abbondantemente dai ridotti consumi, ma la tenuta nel tempo del valore è molto alta, a causa dei migliori materiali che la casa passiva impone per il suo funzionamento.

L’isolante termico e la casa passiva.

Styrodur si occupa di isolamento termico, con una innovazione costante. La casa passiva, se diventerà lo standard di riferimento per le costruzioni del futuro vedrà pronta Styrodur a soddisfare ogni esigenza richiesta, forti del fatto di avere standard produttivi elevati con l’utilizzo dei migliori materiali  polistirene espanso estruso XPS che vanno a soddisfare le più esigenti tecniche costruttive, come l’eliminazione dei ponti termici a cui la casa passiva tiene particolarmente.

Styrodur

About Styrodur

Styrodur® è un marchio registrato da BASF SE
© 2018 Fi-ve Impianti isolanti - powered by Più Internet srl - Privacy Policy - Info legali