LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA: cos’è e come ottenerla

La certificazione energetica è un documento ufficiale obbligatorio valido 10 anni che determina il consumo energetico annuo di un edificio, attraverso una scala di classi che vanno dalla A4 (in caso di edifici nuovi e a bassissimo consumo energetico) alla G (in caso di edifici di vecchia costruzione e ad alto consumo).

In Italia il concetto di certificazione energetica è stato introdotto a partire dal dicembre 2002, quando venne presentata la Direttiva Europea 2002/91/CE, in risposta alla quale l’Italia attuò nel 2005 il D.Lgs 192/05 (successivamente corretto ed integrato dal D.Lgs 311/2006). I due decreti, pubblicati nel 2009, imponevano la certificazione energetica per gli edifici – esistenti e di nuova costruzione.

Infine, il DL 63/2013 (convertito poi nella Legge 90 del 3 agosto 2013) ha ulteriormente modificato i contenuti del D.Lgs 192/2005 decretando il passaggio dall’ACE (Attestato di Certificazione Energetica) all’attuale APE (Attestato di Prestazione Energetica).

La certificazione energetica è un documento importante non solo perché fornisce un’analisi dettagliata dei consumi energetici di un edificio (conoscere l’efficienza energetica è un aspetto importante per chi si appresta ad acquistare o affittare una casa), ma perché fornisce anche una serie di indicazioni importanti per ottenere un miglioramento delle prestazioni energetiche dell’unità immobiliare certificata.

Per questo la certificazione energetica non deve essere vista soltanto come un obbligo di legge da assolvere per non incorrere in pesanti sanzioni ma come un’opportunità per tutti i soggetti coinvolti, volta a promuovere il miglioramento del rendimento energetico degli edifici, a tutelare l’ambiente e ad incentivare il risparmio delle risorse naturali.

La certificazione energetica è divenuta obbligatoria a partire dal luglio 2009 per le compravendite e dal luglio 2010 per le locazioni, secondo quanto stabilito dalla Legge 192/05. Inoltre, dal gennaio 2012 è divenuto obbligatorio inserire negli annunci immobiliari l’indice di prestazione energetica (espresso in Kwh/mq anno).

La certificazione energetica deve essere rilasciata da personale qualificato regolarmente accreditato alla redazione dell’APE. E’ possibile affidarsi, per un servizio veloce e sicuro ad agenzie online accreditate come certificazioneenergeticafacile.it

La figura del certificatore energetico

Il certificatore energetico è solitamente un tecnico professionista abilitato alla progettazione di edifici e impianti (architetto, ingegnere, geometra) che avrà il compito di svolgere l’analisi energetica dell’edificio, basandosi sulle caratteristiche architettoniche, la zona climatica, il tipo di muratura e infissi, l’impianto di riscaldamento e di raffrescamento e la presenza di eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile. Una volta compilato il documento il certificatore rilascerà la classe energetica che sintetizza le caratteristiche e i consumi dell’immobile. L’APE viene infine firmato e timbrato dal soggetto certificatore, che potrà sostituire la copia cartacea con la firma digitale. Attualmente infatti quasi tutte le Regioni italiane ricevono ormai gli APE nel loro catasto energetico, riconoscendo quindi piena validità alla firma digitale. E’ importante ricordare che l’APE va conservato insieme al libretto della caldaia e va consegnato al nuovo proprietario/locatario.

Differentemente da altri servizi professionali la certificazione energetica non è soggetta a tariffazione minima, tuttavia il costo è variabile e cambia a seconda della città, del tipo di unità immobiliare e delle sue caratteristiche.

Styrodur

About Styrodur

Styrodur® è un marchio registrato da BASF SE
© 2018 Fi-ve Impianti isolanti - powered by Più Internet srl - Privacy Policy - Info legali