Styrodur - la soluzione a muffa e umidità

(Italiano) Styrodur®, la soluzione a muffa e umidità

Stran ni na voljo For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

A tutti è capitato almeno una volta di imbattersi in un muro umido e scrostato o, addirittura, con la muffa… E non è un bello spettacolo. I rischi che si corrono non sono assolutamente da sottovalutare: problemi di salute, danni all’edificio stesso – e, non di meno, l’aspetto estetico – che possono compromettere la vivibilità degli ambienti.

Purtroppo, quello della muffa è un problema fin troppo comune ma oggi ci sono anche soluzioni, o meglio ancora, si può direttamente prevenire.

Da cosa sono causate l’umidità e la muffa?

L’umidità può avere svariate origini: si può trattare di una ventilazione insufficiente, di materiali non perfettamente idonei o di un’impropria impermeabilizzazione. Anche i ponti termici sono spesso evidenziati da aloni e “strisce” di umidità e muffa. Ciò avviene ogni volta che la temperatura interna e la differente temperatura esterna entrano in contatto: nei mesi più freddi questo favorisce la creazione di goccioline d’acqua sul muro. La condensa, infatti, è la madre di tutti i guai delle pareti.

Non dimentichiamo anche eventuali infiltrazioni dovute a qualche danno allo strato impermeabile.

Dove sono maggiormente presenti?

La comparsa di umidità di risalita dal terreno si riscontra spesso nelle pareti: esse tendono ad assorbire acqua che causa macchie e deposito di sali che distaccano l’intonaco.

Un punto vulnerabile per la formazione di condensa, dovuto agli sbalzi termici, è l’interno dei muri perimetrali, soprattutto in corrispondenza di infissi o solai – dicevamo “ponti termici” – ma non sono da sottovalutare neanche i pavimenti e i soffitti.

Anche i locali interrati, a diretto contatto con il terreno di per sé più umido, possono presentare questo problema se non correttamente isolati: cantine, taverne e parcheggi interrati potrebbero non poter essere sfruttati appieno.

Come se non bastasse, eventuali discontinuità nell’isolamento, generando ancora una volta ponti termici, sono un rischio sempre in agguato nei pilastri e angoli delle pareti.

Come prevenirle?

Uno dei parametri che determina il grado di salubrità dei locali è una temperatura media costante e un riciclo d’aria per assicurare un livello ottimale di umidità.

La soluzione più adatta è agire dall’interno, ossia isolare termicamente l’edificio. Per farlo nel modo migliore, è bene utilizzare dei prodotti che mantengano le loro performance di isolamento nel tempo, che tollerino bene la presenza di umidità e, per ambienti sotto carico, possiedano un’ottima capacità di resistenza a compressione.

Ancora una volta, Styrodur® si rivela essere il pannello adatto a molteplici applicazioni, perché è insensibile all’umidità, non la assorbe, quindi non si gonfia e non imputridisce. Inoltre, i pannelli godono di un’ottima stabilità anche in condizioni difficili come nelle zone di zoccolatura dell’edificio, sul tetto e nelle fondazioni. E proprio ambienti come quest’ultimo sono sottoposti a carichi importanti provenienti dal terreno che questo pannello tollera molto bene senza deformarsi, quindi risulta ideale addirittura per l’isolamento di platee di fondazione portanti.

 

Visita questa pagina per scoprire tutte i dettagli delle varie applicazioni.

(Italiano) Tetti verdi con Styrodur®: la natura che aiuta a mitigare l’impatto ambientale in città.

Stran ni na voljo For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Sia che immaginiate una bella copertura verde, semplice e che richiede una minima manutenzione (tetto verde estensivo) sia che stiate pensando a un progetto più ampio con sentieri pedonali, elementi ornamentali e spazi dedicati alle persone come tavoli, panche o altalena per i bambini (tetto verde intensivo), sappiate che il sistema tetto verde è completamente autonomo… O quasi.

Un sistema autosufficiente

Il sistema tetto verde è pensato per isolare dal caldo e dal freddo in modo eccellente: le foglie e l’erba, la terra e il verde sono il primo grande vantaggio. Ma la superficie vegetale accoglie gli scrosci d’acqua silenziosamente assorbendo la prima pioggia, mentre altra acqua verrà contenuta da una geomembrana che la rilascerà nel tempo, garantendo al giardino il corretto apporto anche in successivi periodi di siccità.
Proprio perché lo strato di terreno si mantiene umido ed è un vantaggio per le piante stesse, il vapore che si accumula sopra il materiale isolante Styrodur® sopporta per decenni questo ambiente favorevole al verde.
Praticamente, un sistema che usa le acque meteoriche per l’irrigazione.
Tutto il sistema è impermeabilizzato e garantisce la protezione da qualsiasi infiltrazione sulla copertura.

Ma quali sono i vantaggi di questo tipo di tetto?

Circondarsi di vegetazione consente di godersi gli spazi aperti e verdi, il colore dell’equilibrio e delle sensazioni positive, ed è scientificamente provato che influenza positivamente il nostro benessere psico-fisico. Ma oltre a far bene a noi fa bene anche all’ambiente e alla copertura stessa, generando economie positive anche per i bilanci famigliari.

Vantaggi per l’ambiente

È risaputo che le piante assorbono la CO2 presente nell’atmosfera e le polveri dello smog urbano migliorando la qualità dell’aria che respiriamo e fungono da barriera anche contro l’inquinamento acustico. Inoltre, contribuiscono a ridurre l’elettrosmog proveniente dalle onde elettromagnetiche emesse da telefoni, radio, televisori e altri dispositivi elettronici.

Vantaggi per la copertura

Il pannello Styrodur®, grazie alla sua altissima resistenza alle sollecitazioni meccaniche, sopporta molto bene i carichi di vegetazione e di eventuali tavoli, sdrai e sedute da giardino. Non solo: la sua capacità di ridurre lo scarico rapido dell’acqua lo rende adatto ad essere utilizzato in zone climatiche più piovose.
Va da sé che, con un’alta capacità di isolamento termico, fa in modo che l’edificio non disperda calore d’inverno e non lo assorba in estate.

Notevoli vantaggi economici

Come detto, c’è il contenimento dei costi energetici per il riscaldamento d’inverno e il condizionamento d’estate con conseguente riduzione delle spese. L’investimento iniziale per la creazione di un tetto di questo tipo porta quasi sempre anche un aumento del valore dell’immobile e, se i tetti sono tanti, anche del quartiere.

Per sostenere e promuovere questa scelta sono stati attivati incentivi fiscali e il bonus verde.
Quest’ultimo, inizialmente introdotto con la Legge di Bilancio 2018 e poi prorogato di anno in anno fino al 2021, consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione di giardini, terrazzi e in generale aree verdi.

La detrazione, ripartita in dieci quote annuali di pari importo, va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. Pertanto, la detrazione massima è di 1.800 euro (36% di 5.000) per immobile.

LA CANTINA: IL VALORE DI UNO SPAZIO DA (RI)SCOPRIRE

Realizzare una cantina porta con sé diversi vantaggi. Si guadagna in superficie abitabile, si aumenta il valore dell’immobile e si evitano handicap di tipo edilizio. Ma entriamo nel vivo della questione.

Una cantina, se ben progettata, aumenta di circa un terzo la superficie utilizzabile di un immobile. Un piano interrato può essere utilizzato come ufficio, laboratorio, sala giochi per i bambini, sala prove per gli appassionati di musica, sauna se si ha bisogno di relax, ripostiglio per i più pratici o semplicemente come spazio per feste o ricevimenti. Inutile sottolineare come un’area del genere possa implementare il valore di rivendita dell’abitazione.

IL PIANO INTERRATO PERFETTO

Da un punto di vista prettamente tecnico e progettistico, un piano interrato elude disagi ordinari e frequenti come una mala insonorizzazione, una manutenzione delle condutture costosa o la formazione di crepe lungo le pareti, sintomatico del ritiro e del crollo della soletta.
Affinché si possa godere, però, di un luogo salubre e confortevole, due sono gli aspetti da tenere sempre presenti: impermeabilizzazione e isolamento termico.
Per questo tipo di applicazioni Styrodur® offre da più di 50 anni una soluzione efficace e valida. I pannelli isolanti, in quanto sottoposti costantemente a sollecitazioni intense provocate da precipitazioni o pressione terrestre, devono godere delle seguenti caratteristiche:

I VANTAGGI DEL PANNELLO ISOLANTE STYRODUR®

Questi gli elementi che contraddistinguono Styrodur® da altri pannelli. Adoperare i pannelli isolanti Styrodur® significa ridurre dispersioni termiche all’interno dell’edificio e ricreare un ambiente più sano e vivibile in cantina. L’efficacia del vostro isolamento perimetrale (con il quale si è soliti intendere l’isolamento sia delle pareti a contatto col terreno che i pavimenti) verrà comprovata dall’assenza di condensa o muffa sui muri, di ponti termici e dall’inevitabile risparmio in bolletta.

Sfrutta al massimo la superficie abitabile che offre la tua casa, costruisci spazi unici dove vivere la tua quotidianità. E se decidi di farlo, scegli solo prodotti di fiducia. Styrodur® è Styrodur®. Da oltre 50 anni.

Per scoprirne di più, vai al sito Styrodur.



VERDE DI NOME E DI FATTO

Stran ni na voljo For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 
Con la Direttiva 2002/91/CE sono stati introdotti obiettivi specifici in materia di efficientamento energetico. Da questo punto di vista l’Unione europea ha imposto l’obbligo della certificazione degli immobili dimostrando come un immobile di classe A, sebbene costi un 5-10 % in più rispetto a un immobile tradizionale, d’altra parte porti a un risparmio di 1000/2000 euro l’anno per quanto riguarda i costi di riscaldamento.
 

COSA DICE LEGAMBIENTE

D’altra parte, però, bisogna ammettere che tre quarti degli edifici in Italia siano stati costruiti tra il 1946 e il 1991 e il 30% di questi versi oggi in condizioni non ottimali. L’argomento è stato affrontato da Legambiente (associazione ambientalista italiana con sede principale a Roma) che ha condotto uno studio prendendo a riferimento gli immobili edificati tra gli anni Cinquanta e Novanta. Le loro termografie, realizzate su strutture a uso residenziale e direzionale, hanno fatto emergere una serie di disfunzioni generate da un’assenza di isolamento termico oppure, laddove ci fosse, dalla presenza di ponti termici. Questi non sono altro che discontinuità degli elementi strutturali che provocano la dispersione di calore verso l’esterno di un edificio d’inverno e il contrario d’estate. Per questo solitamente si formano vicino a pilastri, travi, balconi, davanzali o in corrispondenza delle giunture di malta tra i laterizi, ossia in prossimità di quelli che rappresentano i punti di eterogeneità della struttura. Si ricrea, così, all’interno dell’edificio una temperatura superficiale diversa da quella suggerita per un vivere sano. L’esperimento ha, inoltre, evidenziato un valore estremamente disomogeneo nella distribuzione di temperatura sulle pareti: i gradienti termici misurati giungevano addirittura a 6-7 gradi.
 

COME EVITARE COSTI ALTI IN BOLLETTA E UN DISPENDIO INUTILE DI ENERGIA?

Isolando a regola d’arte la casa.
A questo proposito, i pannelli termoisolanti marchiati STYRODUR® risultano idonei alle più severe condizioni termoigrometriche. Concepiti in XPS – polistirene espanso estruso –, vantano ottime capacità pur mantenendo uno spessore ridotto che li rende versatili e idonei a diverse applicazioni. Grazie alle eccellenti prestazioni, infatti, mantengono la loro efficacia di fronte a qualunque condizione termoigrometrica, assicurando un ottimo isolamento termico.


Superficie goffrata del pannello Styrodur®

 
La loro versatilità è resa possibile dalle caratteristiche tecniche che li contraddistinguono. I nostri pannelli verdi dalla superficie goffrata godono di un’elevata resistenza alla compressione e di un bassissimo coefficiente di conducibilità termica, tanto che risultano ideali nei sistemi di isolamento di qualsiasi tipo. Dall’isolamento del tetto a quello delle fondazioni, da quello delle pareti a quello del soffitto, ogni angolo della casa può essere isolato con l’applicazione dei nostri pannelli STYRODUR®, evitando dispersione inutile di calore e aumentando il comfort abitativo.

Vai al sito Styrodur per scoprire le eccellenti caratteristiche isolanti del pannello verde.

Styrodur® è un marchio registrato da BASF SE
© 2018-2021 FI-VE Isolanti srl - Privacy Policy - Info legali P.IVA: 04265250268

\n