Tetti verdi con Styrodur®: la natura che aiuta a mitigare l’impatto ambientale in città.

Sia che immaginiate una bella copertura verde, semplice e che richiede una minima manutenzione (tetto verde estensivo) sia che stiate pensando a un progetto più ampio con sentieri pedonali, elementi ornamentali e spazi dedicati alle persone come tavoli, panche o altalena per i bambini (tetto verde intensivo), sappiate che il sistema tetto verde è completamente autonomo… O quasi.

Un sistema autosufficiente

Il sistema tetto verde è pensato per isolare dal caldo e dal freddo in modo eccellente: le foglie e l’erba, la terra e il verde sono il primo grande vantaggio. Ma la superficie vegetale accoglie gli scrosci d’acqua silenziosamente assorbendo la prima pioggia, mentre altra acqua verrà contenuta da una geomembrana che la rilascerà nel tempo, garantendo al giardino il corretto apporto anche in successivi periodi di siccità.
Proprio perché lo strato di terreno si mantiene umido ed è un vantaggio per le piante stesse, il vapore che si accumula sopra il materiale isolante Styrodur® sopporta per decenni questo ambiente favorevole al verde.
Praticamente, un sistema che usa le acque meteoriche per l’irrigazione.
Tutto il sistema è impermeabilizzato e garantisce la protezione da qualsiasi infiltrazione sulla copertura.

Ma quali sono i vantaggi di questo tipo di tetto?

Circondarsi di vegetazione consente di godersi gli spazi aperti e verdi, il colore dell’equilibrio e delle sensazioni positive, ed è scientificamente provato che influenza positivamente il nostro benessere psico-fisico. Ma oltre a far bene a noi fa bene anche all’ambiente e alla copertura stessa, generando economie positive anche per i bilanci famigliari.

Vantaggi per l’ambiente

È risaputo che le piante assorbono la CO2 presente nell’atmosfera e le polveri dello smog urbano migliorando la qualità dell’aria che respiriamo e fungono da barriera anche contro l’inquinamento acustico. Inoltre, contribuiscono a ridurre l’elettrosmog proveniente dalle onde elettromagnetiche emesse da telefoni, radio, televisori e altri dispositivi elettronici.

Vantaggi per la copertura

Il pannello Styrodur®, grazie alla sua altissima resistenza alle sollecitazioni meccaniche, sopporta molto bene i carichi di vegetazione e di eventuali tavoli, sdrai e sedute da giardino. Non solo: la sua capacità di ridurre lo scarico rapido dell’acqua lo rende adatto ad essere utilizzato in zone climatiche più piovose.
Va da sé che, con un’alta capacità di isolamento termico, fa in modo che l’edificio non disperda calore d’inverno e non lo assorba in estate.

Notevoli vantaggi economici

Come detto, c’è il contenimento dei costi energetici per il riscaldamento d’inverno e il condizionamento d’estate con conseguente riduzione delle spese. L’investimento iniziale per la creazione di un tetto di questo tipo porta quasi sempre anche un aumento del valore dell’immobile e, se i tetti sono tanti, anche del quartiere.

Per sostenere e promuovere questa scelta sono stati attivati incentivi fiscali e il bonus verde.
Quest’ultimo, inizialmente introdotto con la Legge di Bilancio 2018 e poi prorogato di anno in anno fino al 2021, consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione di giardini, terrazzi e in generale aree verdi.

La detrazione, ripartita in dieci quote annuali di pari importo, va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. Pertanto, la detrazione massima è di 1.800 euro (36% di 5.000) per immobile.

Risparmiare in bolletta del gas grazie all’installazione di termoisolanti ad alta resa

Ridurre il costo della bolletta gas è possibile con soluzioni particolarmente efficaci.

Il riscaldamento rappresenta una voce di spesa che incide in modo significativo sul bilancio familiare relativo al fabbisogno energetico. Dunque, l’isolamento termico della propria abitazione potrebbe rivelarsi la scelta giusta per abbatterne i costi.

Infatti, grazie all’installazione di termoisolanti ad alta resa, è possibile ottenere molteplici vantaggi:

  • in primo luogo la riduzione dei consumi energetici per la climatizzazione dell’ambiente ed il conseguente risparmio economico
  • in secondo luogo, il corretto isolamento termico, oltre ad impedire dispersioni di calore verso l’esterno, garantisce un elevato comfort abitativo, proteggendo anche dall’umidità
  • infine, grazie alla posa di termoisolanti, aumenta il valore dell’immobile sul mercato

Se la bolletta del gas è troppo alta, ottimizza la prestazioni energetiche della tua casa attraverso un intervento innovativo ed ecosostenibile.

Bolletta del gas esagerata. Cosa fare?

Sei ha ricevuto una bolletta gas esagerata, ecco qualche suggerimento utile:

  • prima di tutto, analizza con attenzione i tuoi consumi, cercando di individuare eventuali sprechi. La guida sulla bolletta del gas ti fornisce tutte le informazioni necessarie per leggerla e comprenderla meglio
  • successivamente, valuta e confronta le offerte di fornitura del mercato libero, prestando attenzione alla voce di spesa relativa al gas naturale. Infatti, su questa componente si basa la concorrenza tra i numerosi fornitori
  • adotta tutta una serie di piccoli accorgimenti in casa, volti ad un uso intelligente e più efficiente dell’energia. Ad esempio, utilizza valvole termostatiche, imposta la temperatura a 19 gradi e non trascurare la manutenzione periodica della caldaia
  • infine, scegli come metodo di pagamento la domiciliazione bancaria e opta per la bolletta digitale

Isolamento termico: la soluzione efficace per risparmiare sulla bolletta del gas

I sistemi di isolamento termico rappresentano una soluzione efficace per risparmiare sulla bolletta del gas.

Infatti, durante l’inverno, gran parte dell’energia impiegata per riscaldare la casa, viene dispersa dalle pareti e dal tetto. Secondo i dati ENEA, attraverso questa tipologia d’intervento è possibile ridurre del 40% il consumo di combustibile.

Il mercato offre un’ampia gamma di materiali isolanti, che possiedono specifiche caratteristiche tecniche e prezzi differenti.

Dunque, prima di scegliere il più adatto alle tue esigenze, è opportuno valutarne:

  • la resistenza termica
  • il prezzo
  • l‘impatto ambientale
  • l‘isolamento acustico
  • l‘impermeabilità
  • l‘infiammabilità
  • la resistenza meccanica

Oggigiorno, l’intervento più diffuso prevede la posa di pannelli isolanti termici, ideali per l’installazione su coperture, pareti e solai.

Tra i materiali più utilizzati figurano:

  • polistirene
  • fibra di vetro
  • poliuretano
  • lana minerale
  • cellulosa

Termoisolanti per ridurre la bolletta del gas: i campi di applicazione

Come sappiamo, sono molti i campi di applicazione dei termoisolanti. In particolare, grazie alla semplicità d’installazione, alla loro leggerezza e durevolezza, i pannelli si prestano a molteplici tipologie di isolamento:

  • perimetrale
  • interno
  • pavimentazione
  • intercapedini
  • solai
  • tetti
  • ponti termici

Inoltre, i sistemi di isolamento termico sono applicabili sia in fase di costruzione di nuovi edifici che in caso di ristrutturazione.

Infatti, l’edilizia moderna rivolge sempre più attenzione all’ambiente, puntando a ridurre l’impatto energetico ottenendo abitazioni a basso consumo.

Se desideri, puoi visionare la composizione percentuale del prezzo del gas naturale sul sito dell’ARERA a questa pagina.

Styrodur®: la soluzione finale per i ponti termici

Vengono chiamate in questo modo quelle discontinuità degli elementi strutturali, causa principale di dispersioni termiche. Tali zone d’ombra si formano solitamente in prossimità di balconi e davanzali o vicino a pilastri, travi oppure in prossimità di punti eterogenei come possono essere quelli di giuntura tra malta e laterizio.

Perché eliminarli?

L’eliminazione dei ponti termici permette la ricreazione di spazi confortevoli e salubri, evitando inutili dispendi di energia in materia di riscaldamento e raffrescamento degli ambienti. Se non isolati, gli spazi di un immobile finiscono per riportare una temperatura superficiale non in linea con gli standard suggeriti per un vivere sano. Attraverso un corretto isolamento si eliminano, inoltre, i rischi correlati a queste discontinuità strutturali come la formazione di umidità, condensa e la presenza di muffa.

Come combatterli?

I pannelli termoisolanti Styrodur® sono realizzati in XPS e nascono come soluzione definitiva ai ponti termici grazie al loro elevato potere coibente. Vengono prodotti su licenza BASF grazie a una particolare tecnologia CO₂ a bassa emissione di inquinanti che li rende anche una scelta ecologicamente responsabile.

Caratteristiche come l’ottima resistenza a qualsiasi condizione termoigrometrica e a sollecitazioni di tipo meccanico e l’elevata stabilità dimensionale, dettata dalla struttura compatta a celle chiuse, fanno dei pannelli verdi Styrodur® una risposta risolutiva ai ponti termici, in grado di proteggere gli edifici per la loro intera durata.
Gli applicatori lo sanno, per questo consigliano Styrodur®.

Per scoprire di più sui nostri pannelli, visita il sito Styrodur Italia.

Tutti i vantaggi di un tetto piano isolato con Styrodur®

Cos’è e dove nasce il tetto piano?
L’immagine facilmente associata al tetto piano è quella di una casa moderna dal gusto minimal. Dal design innovativo e le forme geometriche essenziali e regolari, è l’opzione prediletta dai progettisti, in particolar modo per la realizzazione di progetti ecocompatibili. C’è da dire, però, che se fino a qualche anno fa era una soluzione per una cerchia ristretta di utenza, oggi il mercato si è aperto, rendendo il tetto piano una possibilità desiderata da molti.

Peculiarità e accortezze
Interessante è sapere che all’interno di questa macrocategoria di tetti piani fanno parte i tetti caldi e quelli rovesci, due tipologie di tetti piani distinti sostanzialmente dal posizionamento della guaina impermeabilizzante rispetto al pannello isolante. Nel caso del tetto caldo, infatti, la membrana impermeabile è posta al di sopra dell’isolante, mentre nel secondo caso avviene l’inverso (da qui il nome di “tetto rovescio”, proprio perché stravolge la consueta stratigrafia).

Quale pannello isolante adottare? Styrodur® 3035 CS


Styrodur®, da oltre 50 anni, si dedica al completo isolamento degli immobili, dal tetto alle fondazioni. Per un isolamento rapido, economico ma al 100% efficace affidati a chi può garantirti la qualità di prodotto. Il pannello Styrodur® 3035 CS è un pannello isolante studiato per isolare tetti piani rovesci, pareti industriali, terrazze e tetti giardino. Si tratta di una lastra in polistirene espanso estruso monostrato con pelle superficiale liscia e con battentatura perimetrale sui quattro lati, esente da CFC, HCFC, HFC.

Quali sono i vantaggi del sistema Styrodur®?
> Riduzione dei costi derivati da un maggior efficientamento energetico
> Protezione degli spazi interni dell’immobile dalle escursioni termiche estate/inverno
> Resistenza strutturale dovuta alla qualità dei pannelli Styrodur® 3035 CS resistenti a compressione e indeformabili nel tempo
> Miglioramento dell’isolamento acustico dovuto alla porosità dei pannelli

Per scoprire tutte le applicazioni rese possibili dai nostri pannelli, vai al sito Styrodur.

Styrofond: Sistema integrato per l’isolamento degli ambienti interrati

Styrodur

E’ arrivato Styrofond, il sistema integrato per l’isolamento degli ambienti interrati.

Un prodotto innovativo firmato Fi-VE, un sistema integrato per le fondazioni degli edifici interrati che assicura la massima protezione, a partire dai piedi dell’edificio.
Styrofond permette di isolare termicamente i locali interrati,  drenare l’acqua meteorica, evitandone il contatto con i muri sotterra,  e di creare aerazione  tra il pannello coibente e la parete controterra,  permettendo ai muri interrati di traspirare anche dal lato esterno.

Tra le tendenze dell’architettura contemporanea domina l’esigenza di valorizzare tutti gli spazi, compresi quelli a contatto con le fondamenta, come cantine e taverne. Come già accennato nel precedente articolo “Più spazio e meno umidità con l’isolamento perimetrale”, sfruttare i locali interrati comporta la necessità del loro riscaldamento, quindi di isolare termicamente pareti e pavimenti a contatto con il terreno.
L’isolamento, in questi casi, va fatto dall’esterno, pertanto è doveroso individuare una soluzione di lunga durata, che sia resistente, elimini la possibilità di umidità di risalita o di infiltrazioni, protegga l’intero edificio dall’umidità e dal freddo, incrementando la salubrità dell’immobile e la temperatura superficiale interna, riducendo così  il rischio di condensa.

Per questa tipologia di isolamento è stato idealizzato Styrofond, la soluzione pratica e completa per proteggere ed isolare dall’esterno le pareti dei locali interrati.

Il sistema integrato per l’isolamento controterra Styrofond è composto da:

  • una lastra isolante STYRODUR® 2800 CNL (aeration rifling)
  • accoppiata a una membrana alveolare impermeabile con spessore da 8 mm e
  • da un geotessuto drenante “Typar DuPont®”.

Styrofond è un pannello preassemblato progettato per creare le migliori condizioni di abitabilità e di benessere nei locali a contatto con il terreno. Le pareti controterra, se non correttamente  isolate ed areate, sono infatti soggette a formazione di umidità, responsabile di muffe e cattivi odori. Styrofond, grazie alla sua stratificazione con lastre STYRODUR® 2800 CN, isola perfettamente le pareti, proteggendo le stesse e l’isolante grazie alla membrana alveolare di protezione e di drenaggio di 8 cm , rivestita da geotessuto Dupont, il quale raccorda il pannello isolante al tubo di drenaggio ed avvolge il tubo, evitando che questo si intasi nel tempo.

Più spazio e meno umidità con l’isolamento perimetrale

Styrodur

L’isolamento perimetrale identifica l’isolamento termico di qualsiasi superficie costruttiva esterna a contatto col terreno, come le pareti e i pavimenti di uno scantinato, di una cantina, di un seminterrato o un interrato.

Un edificio dotato di un buon isolamento termico dovrebbe essere interamente ricoperto da uno strato di isolante, applicato non soltanto su tetto e pareti, ma altresì sulle fondamenta della struttura abitativa, la parte maggiormente esposta al contatto diretto con il terreno. Così come accade nelle case passive, che riescono a mantenere una buona temperatura grazie al totale isolamento, così qualsiasi altro edificio trarrebbe vantaggio da un isolamento perimetrale.

Attenzione però. Per l’isolamento perimetrale controterra sono richiesti materiali isolanti dai requisiti piuttosto severi. Solo un isolante resistente e di lunga durata può essere utilizzato nella specifica applicazione, in particolare perché una volta posato l’isolante e terminato l’edificio, eventuali interventi di modifica risulteranno particolarmente costosi, dal punto di vista del lavoro, del tempo e del denaro richiesti.

Il materiale isolante dell’isolamento perimetrale è continuamente esposto a sollecitazioni di vario grado e natura, causate dall’acqua proveniente dalle precipitazioni, dalla pressione terrestre e dal carico della circolazione stradale. Per questo motivo è fondamentale scegliere un prodotto isolante in possesso di requisiti elevati:

  • Elevata resistenza alla compressione
  • Insensibilità all’umidità
  • Scarsa conducibilità termica
  • Imputrescibilità
  • Buona e solida capacità di isolamento termico

STYRODUR® possiede tutte le caratteristiche summenzionate, per questo motivo si presta ad essere un isolante perfetto per l’isolamento perimetrale.

Fig. 1: Realizzazione di isolamento perimetrale a due strati di Styrodur fino a riempimento dello scavo di fondazione.

L’isolamento perimetrale permette quindi una riduzione della dispersione termica anche nei piani inferiori degli edifici (scantinati, seminterrato, cantine) e contribuisce alla riduzione di infiltrazioni d’acqua e al contenimento dell’umidità di risalita, cooperando, inoltre, nella creazione di un clima più salubre nella parte di edificio più esposta al terreno.

Fig. 2: Esempio di scantinato ad uso abitativo.

Fig. 3: Seminterrato ad uso abitativo o professionale.

Sempre più frequentemente scantinati e seminterrati sono realizzati secondo modalità che ne prevedono l’utilizzo scopo abitativo, o per uso professionale. L’isolamento perimetrale assicura in questo senso numerosi vantaggi:

  •         Miglioramento del clima dello scantinato/seminterrato;
  •         Assenza di condensa sul lato interno delle pareti e del pavimento della cantina;
  •         Recupero spazio interno;
  •         Aumento definitivo del valore dell’immobile;
  •         Risparmio sui costi relativi al consumo energetico, grazie all’isolamento termico;
  •         Realizzazione dell’isolamento senza ponti termici;
  •         Protezione dell’impermeabilizzazione.

Come potete osservare sono molti i benefici derivanti da un isolamento perimetrale controterra di pareti, pavimenti, sotto plinti di fondazione e falde. Tuttavia la scelta dell’isolante richiede una serie di valutazioni imprescindibili dal risultato finale ottimale. Per evitare danni causati dall’umidità, quindi evitarsi lavori futuri per il risanamento nei piani inferiori, l’isolamento dev’essere fatto con particolare cura, scegliendo i materiali più efficaci.
Styrodur®  è una valida soluzione per l’isolamento perimetrale, sia in zone con acqua in pressione e acqua d’infiltrazione stagnante (nella falda freatica), sia in caso d’umidità del pavimento e acqua di infiltrazione non stagnante (sopra la falda freatica) e assicura un isolamento affidabile e di lunga durata.

Per avere maggiori informazioni sull’isolamento perimetrale con Styrodur potete richiedere la nostra brochure.

 Se desiderate conoscere i modelli d’isolante Styrodur più indicati in questa soluzione applicativa, cliccate qui.

Qualche informazione sulla possibili detrazioni per un intervento di questo tipo, invece, sono disponibili qui.

Styrodur® è un marchio registrato da BASF SE
© 2018-2021 FI-VE Isolanti srl - Privacy Policy - Info legali P.IVA: 04265250268

\n